STITICHEZZA

Cos’è la stitichezza?

Non andare in bagno per periodi più o meno prolungati non necessariamente rappresenta una condizione patologica, ma è un disturbo che può comunque comportare disagio e malessere.

Per stitichezza, o stipsi, si intende una condizione in cui generalmente sono presenti meno di tre movimenti intestinali a settimana. Se soffri di tale disturbo sappi che esiste la stitichezza occasionale, o momentanea, che rappresenta una condizione abbastanza comune, e la stitichezza cronica, che può interferire con la capacità delle persone di svolgere le proprie attività quotidiane.

La stitichezza è un disturbo del tratto gastrointestinale che può provocare non solo defecazioni poco frequenti, ma anche difficoltà nel passaggio delle feci con sensazioni di dolore e rigidità. Se impari a riconoscere le principali cause o le abitudini che possono provocarti costipazione, puoi optare per una forma di trattamento idonea a ritrovare la serenità gastrointestinale, ascoltando i consigli del tuo medico curante.

Quali sono le principali cause della stitichezza?

La stitichezza, sia occasionale che cronica, può essere causata da molteplici fattori non necessariamente ricollegabili a uno stile di vita sedentario e un’alimentazione scorretta. Una condizione di stipsi può essere ricollegabile anche a periodi stressanti, o in cui la propria sfera emotiva viene messa a dura prova in seguito difficoltà più o meno opprimenti.

Sarebbe scorretto considerare solamente le cause organiche come le responsabili di una condizione di stitichezza, tuttavia, tra le principali, possiamo trovare:

  • Alimentazione a basso contenuto di fibre
  • Disidratazione
  • Esercizio fisico insufficiente
  • Stravolgimenti della normale routine
  • Dieta sbilanciata
  • Stanchezza
  • Resistenza alla defecazione
  • Assunzione di alcuni farmaci (ad esempio ansiolitici e analgesici)
  • Condizioni mediche specifiche (ad esempio diabete, Morbo di Parkinson e ictus)

I sintomi della stitichezza

Se impari a riconoscere i primi sintomi della stitichezza potrai intervenire tempestivamente ed evitare di incorrere in un peggioramento della condizione, che talvolta può portare a ostruzioni causate da fecaloma, ovvero una massa dura e compatta formata da feci che potrebbe formare un blocco nell’ultimo tratto dell’intestino.

 

Tra i principali sintomi della stitichezza, quelli più facilmente individuabili includono:

  • Meno di tre movimenti intestinali a settimana
  • Feci sono secche, dure e/o grumose
  • Defecazione difficoltosa e dolorosa
  • Mal di stomaco o crampi addominali
  • Gonfiore e nausea
  • Sensazione di defecazione incompleta.

Come combattere la stitichezza

Per contrastare la stitichezza potresti cominciare con l’acquisire delle sane abitudini alimentari e svolgere attività fisica quotidianamente. Questo può contribuire ad alleviare una condizione di stitichezza.

Oltre a qualche aiuto farmaceutico o integrativo, anche alcune buone abitudini possono aiutarti a ritrovare una naturale regolarità intestinale. Alcune di queste accortezze possono includere:

  • Mantenersi correttamente idratati, evitando l’abuso di bevande alcoliche
  • Aggiungere frutta, verdura, cereali integrali e altri cibi ricchi di fibre alla propria dieta
  • Mangiare meno cibi ricchi di grassi, come carne, uova e formaggio
  • Tenere un diario alimentare e individuare gli alimenti che causano stitichezza
  • Fare esercizio fisico
  • Evitare di passare troppo tempo sul wc.